Come memorizzare i risultati con un misuratore di glicemia?

I misuratori di glicemia sono sempre più completi di funzioni utili, come ad esempio la possibilità di memorizzare i risultati ottenuti, comprensivi di data e ora della lettura. Ci sono ad esempio gli apparecchi che hanno la possibilità di registrare automaticamente i dati riferiti al diabete. Questi apparecchi registrano e trasferiscono automaticamente le letture di glucosio sul diario di controllo.

Le app per la conservazione dei dati

Alcuni apparecchi garantiscono l’accesso ai dati in qualsiasi momento grazie a una app collegata all’apparecchio. Tra i valori registrati, anche i dati di iniezione, i carboidrati consumati e il monitoraggio delle attività. Questi strumenti sono dotati di un cavo jack per la connessione. I dati vengono trasmessi tramite Bluetooth alla app di tracciamento direttamente sullo smartphone.

Carta e penna sempre a portata di mano

C’è chi poi preferisce tenere a portata di mano un quaderno dove appuntare i dati da presentare a ogni controllo periodico. Dobbiamo ricordare che ci sono due tipi di esami del sangue per calcolare il livello di zucchero. Il primo tipo è l’analisi tipica dell’estrazione per via venosa mediante un ago e una provetta che viene successivamente analizzata in laboratorio. Questo tipo di esami fornisce valori più accurati e affidabili.

Il test capillare

Quando si utilizza un glucometro, il tipo di test che viene eseguito è chiamato “capillare”. Questo test di solito ha valori diversi rispetto a quelli forniti da un esame del sangue venoso. Ci sono diversi standard per determinare se il livello di zucchero è all’interno o all’esterno dei parametri normali.

Ci sono tre tipi di parametri. Il digiuno: quello che è considerato un valore normale, essendo digiuno, è in un intervallo da un minimo di 70-80 mg / dl fino a 130 mg / dl.

Dopo i pasti: un livello considerato normale, dopo una o due ore dopo un pasto, è in un intervallo da un minimo di 70-80 mg / dl fino a 180 mg / dl.

Prima di andare a letto: un normale valore dello zucchero, poco prima di andare a dormire, è quello che è compreso tra un minimo di 100 mg / dl fino a 140 mg / dl circa.

Tutti questi dati possono variare molto, tenendo conto delle abitudini alimentari e di altri fattori come l’esercizio fisico. Può però essere considerato un modello che può essere seguito come riferimento. Mai dimenticare comunque di far riferimento allo specialista.

La durata di un glucometro

La durata dipende sempre dalla cura nel conservare bene un apparecchio. Quindi è bene essere sempre attenti nel riporlo e nel tenerlo asciutto e pulito.

Curiosità, innanzitutto. Mi piace approfondire e scoprire spigolature e sfumature negli argomenti che tratto. L’informazione al servizio di chi vuol sapere penso sia il più gran valore di sempre

Back to top
Misuratore Glicemia