Misuratori di glicemia professionali: tutte le fasce di prezzo, recensioni

Il misuratore di glicemia è un kit per l’automonitoraggio della glicemia. Oltre al dispositivo stesso, nel kit nei dispositivi professionali sono inclusi un pungidito o lancetta con ago e una striscia reattiva. Le lancette e le strisce sono monouso, perciò i kit includono dei ricambi che, una volta esauriti, vanno acquistati separatamente.

Come effettuare la misurazione della glicemia

Tutti i misuratori di glicemia professionali sono sottoposti ad attenti test di accuratezza. Per effettuare una misurazione bisogna prima di tutto inserire una striscia reattiva nel misuratore. Utilizzando poi il pungidito, bisogna prelevare una goccia di sangue, normalmente da un polpastrello, e porla sulla parte di striscia libera. Se il sangue è sufficiente, il misuratore dovrebbe mostrare il livello di glicemia sul display, generalmente visualizzato in mg/dL. Il livello di glicemia viene misurato dal glucometro mediante un processo di ossidazione del sangue che crea una variazione cromatica o a una corrente elettrica, la quale potrà essere decifrata dal dispositivo digitale.

Misuratore di glicemia come funziona

I diabetologi consigliano di misurare la glicemia con una media di quattro volte al giorno, preferibilmente a stomaco vuoto. Il consiglio è di utilizzare il misuratore la mattina a digiuno e poi un paio di ore dopo ogni pasto. Anche le condizioni ambientali sono importanti. Quelle troppo basse o troppo altee un’eccessiva altitudine e umidità potrebbero compromettere i risultati. Un’altra accortezza da seguire è quella di conservare le strisce in un luogo fresco e asciutto e non utilizzarne mai di scadute.

Il diabete in Italia

Il diabete è molto diffuso in Italia: i pazienti con questa patologa sono circa tre milioni. La tipologia più diffusa è il tipo 2 che colpisce principalmente le persone al di sopra dei 35 anni. Sono varie le cause che portano a tale disturbo, fra cui la prima è sicuramente l’obesità o un’alimentazione scorretta. Il presentarsi del diabete può essere anche dovuto a una predisposizione genetica.

Le funzioni

Oltre alla misurazione del livello di glucosio nel sangue, i misuratori di glicemia possono disporre di alcune funzioni aggiuntive che possono determinare variazioni di prezzo. Le funzioni attualmente disponibili per questo tipo di apparecchio sono fondamentalmente la memoria, la sveglia, la media dei valori, la segnalazione degli errori, la connettività e la marcatura dei valori.

La memoria del glucometro

E’ senza dubbio la funzione più importante e utile che si può trovare in un misuratore di glicemia. L’apparecchio registra le misurazioni con data e ora, così che possiate tenere meglio sotto controllo il livello di glicemia nel tempo e condividerle con lo specialista di fiducia. Si parte da un minimo di circa 20 fino a superare le 500 misurazioni.

La sveglia

Può capitare di dimenticare di misurare i valori tre o quattro volte al giorno. La funzione di sveglia, anche detta reminder, aiuta a non saltare neanche una rilevazione. I migliori modelli permettono di impostare fino a 4 promemoria, ciascuno con un’ora diversa.

La media dei valori

Se è già presente la possibilità di memorizzare i valori, questa funzione consente di effettuare una media delle ultime misurazioni. I genere è possibile ottenere una media dell’ultima settimana, dell’ultimo mese o degli ultimi tre mesi. Così come la funzione memoria, la media serve a capire l’andamento del livello di glicemia e comunicarlo al proprio specialista. Alcuni modelli indicano con dei simboli se la tendenza è crescente o decrescente.

La marcatura dei valori

Questa funzione si può attivare solitamente con un pulsante apposito e permette di segnalare al dispositivo se la misurazione è stata effettuata a stomaco vuoto o pieno. Il simbolo che appare sullo schermo è normalmente una mela piena o un torsolo

La segnalazione degli errori

Alcuni modelli mostrano dei codici di errore qualora si verifichino errori nella misurazione.

La connettività

I modelli più all’avanguardia possono essere collegati al PC, al tablet o allo smartphone, via cavo o connessione Bluetooth. Le misurazioni vengono così trasferite a questi dispositivi, i quali le mostreranno anche mediante grafici e statistiche. In questo modo si potrà creare un vero e proprio diario di monitoraggio, a volte anche stampabile.

Curiosità, innanzitutto. Mi piace approfondire e scoprire spigolature e sfumature negli argomenti che tratto. L’informazione al servizio di chi vuol sapere penso sia il più gran valore di sempre

Classifica dei Migliori Prodotti

Back to top
Misuratore Glicemia